Feb 21, 2018 - Senza categoria    No Comments

Il Nido delle Aquile: ospite l’agente Fifa Filippo Colasanto

Appuntamento speciale de Il Nido delle Aquile, in onda eccezionalmente di martedì (sempre a partire dalle 21), visto che la Lazio di mister Inzaghi era impegnata nel monday night contro il Verona.

Negli studi di Radio Roma Futura di via Nomentana 643 il trio composto da Marco Misseri, Antonio Pilato ed Alberto Alquati, che hanno analizzato il successo degli uomini di mister Inzaghi contro i veneti e i prossimi impegni che aspettano i biancocelesti, su tutti l’imminente sfida di Europa League contro la Steaua Bucarest.

Successivamente è intervenuto l’agente Fifa Filippo Colasanto, con cui si è approfondito il tema De Vrij (il difensore a giungo lascerà la Lazio) e i possibili scenari futuri per quanto concerne la sostituzione del difensore olandese.

 

Fonte: http://www.passionedelcalcio.it/news/il-nido-delle-aquile-ospite-lagente-fifa-filippo-colasanto-2.php

Radiosei – Colasanto (ag. Fifa): “Mendes proverà a portare Guedes. Paletta? Ottima scelta”

Ultime ore di calciomercato prima della chiusura della sessione estiva. Ai microfoni di Radiosei per parlarne è intervenuto l’agente Fifa Filippo Colasanto: “Alla Lazio si è avvicinato molto Jorge Mendes e questa è un’investitura importante. C’è il suo zampino dietro la cessione di Keita al Monaco. Io so che lui ha proposto un ragazzo del Psg, molto bravo ma che non gioca a causa della concorrenza. Mi riferisco a Gonçalo Guedes. Lui proverà tra adesso e gennaio a portarlo alla Lazio. Per il resto la Lazio ha fatto un ottimo acquisto con Lucas Leiva. È solido, a me piace tanto, a Liverpool lo rimpiangono ancora. Marusic è un buon colpo. Mi aspettavo molto di più da Kishna, ero innamorato della sua tecnica”. 

Guedes

Guedes

NIANG – “Niang pensavo che avesse più possibilità alla Lazio. Sapevo che il giocatore aveva un buon gradimento per la piazza, così come il suo entourage. Se finirà al Torino sarà solo per Mihajlovic, che lo ha già avuto facendolo esprimere al meglio”.

PALETTA – “Se fossi in lui verrei tranquillamente. La Lazio ha tanti impegni, e la sua esperienza può servire molto. Nella sua carriera non ha fatto male, se lo prende la Lazio fa un’ottima scelta, che ti porta professionalità ed esperienza”.

CAMPIONATO – “La squadra candidata a vincere il titolo è il Napoli. Gioca meravigliosamente, non ha cambiato nessuno. La Juventus sarà molto distratta dalla Champions. Le altre non lo so. La Roma si è molto indebolita nonostante l’acquisto di Schick. L’Inter si affida a Spalletti, può arrivare tra le prime quattro, così come il Milan regina del mercato”.

 

Fonte: http://www.lalaziosiamonoi.it/news/esclusiva-radiosei-colasanto-ag-fifa-mendes-provera-a-portare-guedes-paletta-ottima-scelta-86282

Ago 17, 2017 - Senza categoria    No Comments

AG. FIFA COLASANTO A FirenzeViola, Pezzella anche terzino

Filippo Colasanto, agente FIFA specializzato nel mercato relativo all’area sudamericana, ha parlato in esclusiva ai microfoni di “Garrisca al Vento!”, trasmissione di TMW Radio a cura di FirenzeViola.it. Queste le sue dichiarazioni: “Pezzella approdererà in una squadra che Pioli sta ricostruendo pezzo per pezzo. Cosa può portare? E’ stato titolare nel River per poi approdare al Betis dove ha mostrato qualità e personalità, doti fondamentali per la Fiorentina che deve rinascere. Se può giocare titolare? Penso di sì, non è un giovane, che ha avuto la formazione in una squadra importante come il River Plate. Se lo prendono in prestito con un riscatto alto è un investimento importante perciò è perché faccia una parte importante in campo e nello spogliatoio, visto che era titolare nel Betis. Insomma viene a giocarsela. Se può giocare a destra? Al River ci ha giocato e anche in una difesa a tre. E’ un giocare destro che ha nelle gambe e nella testa le possibilità per fare può ruoli. Sarebbe una sorpresa se fosse un pulcino smarrito come è stato Roncaglia che a Firenze non ha mantenuto le aspettative. Simeone già pronto? Ha due vantaggi: già conosce il campionato italiano dove ha fatto benissimo pur in una squadra non fortissima. Ha la garra, il carattere del padre, è un ottima punta ed è un acquisto importantissimo, la Lazio ha fatto ha fatto carte false per averlo. Ha però la stessa posizione di Chiesa, magari si possono pestare i piedi se Pioli non li utilizza in maniera diversa l’uno dall’altro. Rispetto a Kalinic è differente, non c’entra nulla neanche con Bati. A me ricorda Aguero anche se rispetto a lui ha meno qualità. Benassi? Con quel bel piede non lo vedo esterno

 

Fonte: https://www.firenzeviola.it/notizie-di-fv/ag-fifa-colasanto-a-fv-pezzella-anche-terzino-247852

Colasanto: «Proposi Di Maria alla Lazio, ecco come mi risposero…»

Ai microfoni di Radio Sei è intervenuto l’agente Fifa Filippo Colasanto che ha parlato del prossimo mercato della Lazio e ha svelato anche un retroscena su Di Maria

Colasanto ha commentato subito un eventuale trasferimento di Biglia al Milan: «Parliamo di un giocatore bravo, che non è un fenomeno e che non ha mai espresso lodi d’amore alla società, e questo è singolare visto che gli argentini si legano moltissimo alle loro squadre. Se è fatta col Milan? No, ancora no. Io al posto di Biglia accetterei, il Milan potrebbe avere in divenire un blasone maggiore rispetto a quello che offre la Lazio ora. Probabilmente c’è ancora un discorso di soldi che frena la trattativa. Keita? Al di là delle doti del giocatore, è uno scandalo che un giovane possa permettersi questi atteggiamenti». 

Di Maria

Di Maria

RETROSCENA DI MARIA – Poi Colasanto svela un retroscena di mercato: «All’epoca proposi Di Maria a Roma, Lazio e Fiorentina, ma non ne hanno voluto sentir parlare. Proposi anche il Papu Gomez ad un dirigente cui non faccio il nome. Mi disse che era un ‘nano’, era vero, ma vai a prenderlo ora il Papu… Oggi consiglio Alexander Barboza, un difensore classe ’96 del Defensa y Justicia. Ha un gran fisico, è bravo con i piedi ed è un giocatore di personalità. Lo sto seguendo, è di proprietà del River Plate e con i Millonarios non si sbaglia mai»

Giu 3, 2017 - Senza categoria    No Comments

Colasanto: “Keita ha un atteggiamento sbagliato”

ROMA – Intervenuto in esclusiva ai microfoni di Radiosei, l’agente Fifa ed fine conoscitore di calcio argentino, Filippo Colasanto, ha parlato del mercato biancoceleste:

LUCAS BIGLIA

“Parliamo di un giocatore bravo, che non è un fenomeno e che non ha mai espresso lodi d’amore alla società, e questo è singolare visto che gli argentini si legano moltissimo alle loro squadre. Fatta col Milan? No, ancora no. Io al posto di Biglia accetterei: il Milan potrebbe avere in divenire un blasone maggiore rispetto a quello che offre la Lazio ora. Probabilmente c’è ancora un discorso di soldi che frena la trattativa”.

KEITA

“Al di là delle doti del giocatore, è uno scandalo che un giovane possa permettersi questi atteggiamenti. Vuole andare alla Juve? Mi sembra strano che i bianconeri vogliano prenderlo, basti vedere il rigore che hanno avuto quest’anno nei confronti di Bonucci e Pjanic”.

keita

keita

SOLUZIONI SUDAMERICANE

“In Argentina purtroppo c’è questo vizio di vendere i giocatori bravi dopo una sola stagione e arrivano in Europa quando sono ancora acerbi. Per questo il campionato è calato. Faccio il nome di Centurion, ad esempio, che nel Racig sembrava fenomenale e nel Genoa ha fatto solo due presenze per poi tornare in Sudamerica. All’epoca proposi Di Maria a Roma, Lazio e Fiorentina, ma non ne hanno voluto sentir parlare. Proposi anche il Papu Gomez ad un dirigente cui non faccio il nome. Mi disse che era un ‘nano’, era vero, ma vai a prenderlo ora il Papu… Oggi consiglio Alexander Barboza, un difensore classe ’96 del Defensa y Justicia. Ha un gran fisico, è bravo con i piedi ed è un giocatore di personalità. Lo sto seguendo, è di proprietà del River Plate e con i Millonarios non si sbaglia mai”.

IL MERCATO DELLE ALTRE

“La Juventus sta cercando di sistemare anche i reparti dove sta messo meglio. Il Milan sta facendo tanto sul mercato e sta lavorando molto sottotraccia. In prospettiva dico però che se l’Inter di Suning decide di investire davvero non ce n’è per nessuno”.

 

Fonte: http://www.cittaceleste.it/gazzanet/colasanto-keita-ha-un-atteggiamento-sbagliato/

Giu 3, 2017 - Senza categoria    No Comments

Colasanto, ag. FIFA: “Keita non è un giocatore da Juve”. Poi su Biglia…

Il calciomercato estivo ancora non è iniziato ufficialmente ma in casa Lazio la situazione è movimentata. Preoccupa infatti il futuro di tre big biancocelesti: Biglia, De Vrij e Keita Balde. Sulla questione è intervenuto anche l’agente FIFA Filippo Colasanto.

L’agente Fifa ed esperto di calcio argentino, Filippo Colasanto, ha parlato delle prospettive di mercato biancoceleste a Radiosei“Biglia? Parliamo di un giocatore bravo ma non è un fenomeno e che non ha mai espresso parole d’amore alla società, e questo è singolare visto che gli argentini si legano moltissimo alle loro squadre. Milan? No, ancora non è fatta. Io al posto di Biglia accetterei: il Milan potrebbe avere in divenire un blasone maggiore rispetto a quello che offre la Lazio ora. Probabilmente c’è ancora un discorso di soldi in sospeso”.

Biglia

Biglia

QUESTIONE KEITA

“Al di là delle doti del giocatore, è uno scandalo che un giovane possa permettersi questi atteggiamenti. Interesse Juve? Mi sembra strano che i bianconeri vogliano prenderlo, basti vedere il rigore che hanno avuto quest’anno nei confronti di Bonucci e Pjanic”.

MERCATO SUDAMERICANO

“In Argentina purtroppo c’è questo vizio di vendere i giocatori bravi dopo una sola stagione e arrivano in Europa quando sono ancora acerbi. Per questo il campionato è calato. Faccio il nome di Centurion. Nel Racing sembrava fenomenale ma nel Genoa ha fatto solo due presenze per poi tornare in Sudamerica. All’epoca proposi Di Maria a Roma, Lazio e Fiorentina, ma non ne hanno voluto sentir parlare. Proposi anche il Papu Gomez ad un dirigente cui non faccio il nome. Mi disse che era un ‘nano’, era vero, ma vai a prenderlo ora…Oggi consiglio Alexander Barboza, un difensore classe ’96 del Defensa y Justicia. Ha un gran fisico, è bravo con i piedi ed è un giocatore di personalità. E’ di proprietà del River Plate”.

 

Fonte: https://www.laziochannel.it/2017/06/colasanto-keita-juve-biglia/

Nov 29, 2016 - Calcio sudamericano    No Comments

Colasanto: “Gerson il giovane sudamericano più forte”

L’agente FIFA Filippo Colasanto è intervenuto ai microfoni di TMW Radio parlando a 360° dei talenti del calcio sudamericano: “Il più forte è Gerson, preso dalla #Roma. Non ne vedo altri già pronti. In Italia, rispetto al calcio sudamericano, la tattica è diversa, soprattutto per quel che riguarda la fase difensiva. Anche la testa fa la differenza, spesso si tratta di ragazzi troppo giovani. Centurion per esempio è un grande talento ma è arrivato al Genoa quando era troppo acerbo. Gentiletti invece è un onesto difensore centrale, che ha esperienza, ma non è un giocatore in grado di fare la differenza”.

Cosa pensa invece di Gustavo Cabral?
“Se lo prendi bene, ma altrimenti non è un giocatore che fa fare il salto di qualità a una squadra”.

Mammana è davvero così forte?
“Tecnicamente è molto bravo, è stato paragonato a Nesta ma è lontano anni luce dall’ex difensore di Lazio e Milan. Oltre a saper difendere ha anche i piedi buoni e per questo sa far ripartire l’azione. Un infortunio lo ha tenuto quasi un anno lontano dai campi da gioco. Non credo sia già pronto per il nostro campionato, deve essere preparato per il calcio italiano, anche se gioca nel River Plate e non in una squadretta”.

Su chi dovrebbero puntare le squadre di Serie A per quel che riguarda i giocatori argentini?
“Non ci sono giocatori tanto forti da cambiare le carte in tavola per le squadra di A”.

Alario potrebbe arrivare in Serie A?
“È un buon giocatore, un bell’attaccante. Arrivare in Italia però è molto difficile, cambiano tante cose. Portai Juan Antonio al Brescia e i primi tempi faceva molta fatica”.

Lo Celso?
“Gli è stata data una grande visibilità, ma non credo che quest’ultimo sia pronto per giocare al Paris Saint Germain”.

Che fine ha fatto Juan Antonio?
“Dopo l’esperienza al Brescia lo comprò la Sampdoria e contribuì alla promozione. Fu poi esonerato Iachini e in blucerchiato arrivò Ciro Ferrara che non lo vedeva assolutamente. Gli fu cambiato ruolo e non riuscì a imporsi, e dopo i due prestiti con Varese e Brescia non riuscì a tornare alla Sampdoria. Arrivò Ferrero e l’avvocato Romei mi chiamò chiedendo di aiutarlo dal punto di vista contrattuale. Abbiamo accettato un trasferimento al Parma, la Sampdoria si è comportata in maniera schifosa e dopo il prestito alla Feralpi Salò il Parma è fallito: per questo ha perso tutto l’ingaggio, è tornato in Argentina e ha lasciato il calcio. Adesso si sta dedicando alla musica, la sua passione. Veniva dal River Plate, ha esordito in Serie A a 18 anni con Passarella in panchina e giocava titolare nelle giovanili della Nazionale argentina era titolare insieme ad Aguero. La Sampdoria ci puntò forte, lo pagò 3,5 milioni, ma le cose sono cambiate in fretta”.

 

Fonte:  http://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/tmw-radio-colasanto-gerson-il-giovane-sudamericano-piu-forte-828558

Nov 14, 2016 - Serie A    No Comments

Precisazione dell’agente Filippo Colasanto sulle decisioni del Tribunale Federale Nazionale

Gentile redazione,
scrivo in merito alla notizia da voi pubblicata riguardo alle decisioni prese dal Tribunale Federale Nazionale (TFN) nei confronti rispettivamente del signor Carlo Osti e della società U.C. Sampdoria, nonché dello scrivente, per precisare quanto segue.
Le sanzioni comminate sono state inflitte, come recita la motivazione a corredo della sentenza, poiché il signor Osti “…..si è avvalso dell’opera dell’Agente di Calciatori Filippo Colasanto in assenza di mandato regolarmente conferito”.
In realtà, per completezza d’informazione e per rendere giustizia alla situazione creatasi, negli ultimi giorni del calciomercato dell’Agosto 2014 il mandato per l’operazione in questione (la cessione del giocatore Juan Ignacio Antonio dalla Samp al Parma) era stato regolarmente compilato congiuntamente, da me e dall’allora dirigente del Settore Giovanile del club doriano signor Massimo Terzi presente in quell’occasione. Al momento della consegna del documento il signor Osti mi diceva di non avere potere di firma, ma di firmarlo comunque io ché poi lui si sarebbe personalmente incaricato di farlo siglare al presidente Ferrero per poi rimandarmelo affinché io, come vuole il regolamento, lo potessi depositare presso i competenti uffici federali.
Stemma FIGC

Stemma FIGC

Purtroppo non ho mai ricevuto indietro nulla e dopo vari inutili tentativi (via telefono e per iscritto) di contattare i dirigenti del club, ho fatto io stesso un esposto alla Procura Federale.
In sede di definizione il TFN ha accettato la richiesta di patteggiamento del signor Osti condannandolo al pagamento di un’ammenda (pena inflitta anche alla Sampdoria) e ha inibito me in quanto non risulta depositato il famoso mandato. Ma non per mia volontà………..
Vi faccio da ultimo presente che sto citando la U.C. Sampdoria e il signor Carlo Osti davanti a un tribunale civile per il recupero del legittimo credito che vanto nei confronti della società blucerchiata.
Questo è quanto, con preghiera di pubblicazione ad integrazione di quanto da voi già pubblicato.
Vi ringrazio dell’attenzione,
Filippo Colasanto
Fonte:  http://www.pianetagenoa1893.net/notizie/precisazione-dellagente-filippo-colasanto-sulle-decisioni-del-tribunale-federale-nazionale/
Ago 1, 2016 - Serie A    No Comments

“Attaccare e difendere con il modulo 4-5-1”: un viaggio nella tattica calcistica

Attaccare e difendere con il modulo 4-5-1

Attaccare e difendere con il modulo 4-5-1

“L’invincibilità dipende dalla difesa, la possibilità di vittoria dall’attacco”

Una squadra è costituita da atleti che sanno rispondere collettivamente alle molteplici situazioni tattiche che si manifestano durante la partita. Una squadra unita ed organizzata permette ai singoli giocatori di poter dare il meglio di loro stessi e diventare un valore aggiunto in grado di incidere sul risultato finale.

Sulla base di questi valori nasce il libro “Attaccare e difendere con il modulo 4-5-1”, scritto da Giuseppe Moschese (allenatore dilettante).

Attaccare e difendere con il modulo 4-5-1”, primo libro al mondo sull’argomento, è un viaggio nella tattica calcistica alla scoperta di un assetto e di una filosofia di gioco ben precisi, basati su un sistema elastico e flessibile.

In questo libro vengono affrontati tutti gli aspetti, partendo dai principi generali fino ad evidenziare le caratteristiche specifiche dei singoli interpreti.

La prefazione è curata dal giornalista Massimo Boccucci e contiene i contributi dei tecnici Nevio Scala, Giuseppe Sannino e Lars Lagerback (commissario tecnico della nazionale islandese, già commissario tecnico della Svezia), del preparatore atletico Raul Rodriguez Seoane (assistente di Alfredo Di Stefano), dell’agente Fifa Filippo Colasanto e di Ray Trew (presidente del Notts County F.C., il club professionistico inglese di Nottingham più antico del mondo fondato nel 1862).

Il libro è disponibile in libreria e nei migliori circuiti specializzati.

Il sito ufficiale è https://www.facebook.com/modulo451

Il sito ufficiale della versione tedesca è http://www.facebook.com/451taktik

Fonte:  http://www.sportfair.it/2016/08/attaccare-e-difendere-con-il-modulo-4-5-1-un-viaggio-nella-tattica-calcistica/411180/#1wfgyrVJk9b67BUL.99

 

Giu 4, 2016 - Calcio argentino    No Comments

Colasanto: “Calleri grande acquisto; Gabigol? Io non farei un’asta…”

L’esperto di calcio sudamericano ha fatto il punto su Calleri e Gabigol, obiettivi della Fiorentina.

Jonathan Calleri

Jonathan Calleri

A Radio Blu ha parlato l’esperto di calcio sudamericano Filippo Colasanto, tracciando un profilo dei due obiettivi della Fiorentina Calleri e Gabigol: “Calleri? Giocatore che è stato accostato più volte a squadre italiane quando era al Boca Juniors. Poi i dirigenti nerazzurri sono tornati di fronte a molti interlocutori, perché il suo cartellino appartiene a molti fondi di investimento. Il club ha fatto girare i soldi per pagare una cifra giusta, fra diritti di immagine e fondi di investimento. Calleri è sicuramente uno dei giocatori più interessanti: il Boca è la squadra più seguita a livello di responsabilità e a livello di blasone. Ha fatto molto bene nella sua stagione e poi ha preso attraverso questa operazione il San Paolo. Chi lo prenderà potrà farlo giocare titolare. Lui può giocare con una prima punta potente ed è un ragazzo molto prestante, non disdegna il contatto fisico ed è forte anche di testa. Cifre? Non so quanto abbia pagato effettivamente il San Paolo, ma penso che meno di 25-30 milioni non li chiedano. La proprietà della Fiorentina non è una qualsiasi. Gabigol? Lui starebbe bene in una squadra molto solida come la Roma, ma bisogna vedere chi ha i soldi per fare una simile operazione. Il giocatore sembra un fenomeno, ma non è stato mai testato a livello europeo, quindi si parla di una cifra troppo elevata secondo me. La Copa America potrebbe confermarlo, ma al momento non mi butterei in un’asta per lui. Un nome per la Fiorentina? Non penso ci sia un profilo già pronto, ma magari la Copa America potrebbe dare qualche indicazione”.

 

Pagine:1234»
BLOG-FILIPPO-COLASANTO BLOG-FILIPPO-COLASANTO